Apri un nuovo gruppo Cerca gruppi

ACCEDI

×

Proposta standard Programma Elettorale

respinta

Risultati

La lista civica del MoVimento 5 Stelle Palestrina presenta candidati incensurati, non tesserati da partiti, non politici di professione, che non hanno mai ricoperto cariche elettive e che si impegnano ad esercitare al massimo due mandati.

2. PARTECIPAZIONE, TRASPARENZA, EFFICIENZA DEL COMUNE

Questo paragrafo non è ancora stato compilato. Aiuta l'autore inserendo un contributo!

2.1. Partecipazione dei cittadini

Introduzione e uso regolare del referendum deliberativo senza quorum, (previa modifica dello statuto comunale) per permettere ai cittadini di decidere direttamente su specifiche questioni, cercando di rendere le consultazioni economicamente sostenibili mediante uso di Internet o sportello comunale.
Favorire la partecipazione dei Cittadini di Palestrina alla vita politica istituzionale Le proposte di iniziativa popolare dovranno essere discusse con priorità in consiglio comunale. Per incentivare la presentazione di tali proposte abbasseremo la soglia delle firme necessarie, raccolte tra gli iscritti alle liste elettorali, a 500.
Da vedere se inserirla in un'unica soluzione

Bilancio partecipato Promozione della partecipazione dei cittadini alla stesura del bilancio comunale tramite la presentazione di proposte che evidenzino le priorità della comunità. Attraverso la condivisione i cittadini potranno interagire con l’Amministrazione del Comune di Palestrina sulla finalità degli investimenti pubblici. Questa partecipazione si esplicherà sia telematicamente che con schede cartacee per consentire ad ogni cittadino la totale accessibilità al servizio. Il bilancio partecipato consente di realizzare una concreta apertura dell’Istituzione Comunale alla partecipazione diretta e getta le basi per mettere in atto un rapporto costruttivo fra i cittadini di Palestrina e il governo della città.
Consigli comunali all’aperto, nei periodi climatici che ne consentono lo svolgimento.

1.1. Impegni degli eletti

Rifiuto di qualsiasi “rimborso elettorale”o finanziamento occulto delle spese di partito.
Gli stipendi in caso di elezione sono ridotti a Xeuro netti al mese per il Sindaco, con riduzione proporzionale per gli Assessori, e destinazione delle cifre risparmiate a progetti benefici per i cittadini. Anche eventuali gettoni di presenza sono aboliti o decurtati a rimborso spese minimo.
Impossibilità di accettare doppi incarichi elettivi.
Dialogo e comunicazione, oltre che con resoconti costanti di quanto discusso e deliberato nelle sedi comunali, anche attraverso incontri periodici con i cittadini: ogni sei mesi come aggiornamento uso fondi pubblici e attuazione del programma; ogni anno per rendere conto dell’attività svolta e chiedere la riconferma ( il candidato eletto dovrà firmare una lettera di dimissioni in bianco da utilizzare nel caso di gravi mancanze).
Supporto per tutto il mandato da parte di uno staff di volontari collaboratori, con ruoli differenti ma pari dignità.
Impegno a portare avanti le posizioni del Movimento e dei suoi elettori e non le proprie, rappresentando gli elettori e non sé stessi.Rifiuto di qualsiasi “rimborso elettorale”o finanziamento occulto delle spese di partito.Rifiuto di qualsiasi “rimborso elettorale”o finanziamento occulto delle spese di partito.
Gli stipendi in caso di elezione sono ridotti a Xeuro netti al mese per il Sindaco, con riduzione proporzionale per gli Assessori, e destinazione delle cifre risparmiate a progetti benefici per i cittadini. Anche eventuali gettoni di presenza sono aboliti o decurtati a rimborso spese minimo.
Impossibilità di accettare doppi incarichi elettivi.
Dialogo e comunicazione, oltre che con resoconti costanti di quanto discusso e deliberato nelle sedi comunali, anche attraverso incontri periodici con i cittadini: ogni sei mesi come aggiornamento uso fondi pubblici e attuazione del programma; ogni anno per rendere conto dell’attività svolta e chiedere la riconferma ( il candidato eletto dovrà firmare una lettera di dimissioni in bianco da utilizzare nel caso di gravi mancanze).
Supporto per tutto il mandato da parte di uno staff di volontari collaboratori, con ruoli differenti ma pari dignità.
Impegno a portare avanti le posizioni del Movimento e dei suoi elettori e non le proprie, rappresentando gli elettori e non sé stessi.​

Un cittadino informato e partecipe è il miglior garante dell’interesse generale, su questo principio si fonda l’assoluta trasparenza che dovrà avere la macchina amministrativa anche attraverso l’introduzione dei seguenti meccanismi e regolamentiUn cittadino informato e partecipe è il miglior garante dell’interesse generale, su questo principio si fonda l’assoluta trasparenza che dovrà avere la macchina amministrativa anche attraverso l’introduzione dei seguenti meccanismi e regolamenti
Adesione all’associazione comuni virtuosi.
Accesso informatico libero ai dati e agli atti dell’amministrazione comunale, utilizzando standard e formati aperti, e condividendo con licenze libere il codice del software realizzato per conto del Comune, le mappe, il materiale multimediale e altri prodotti intellettuali realizzati con i soldi dei cittadini.
Creazione di una commissione d’inchiesta con la collaborazione dei comitati cittadini autonomi per gli eventi e le inadempienze che hanno riguardato la zona P.i.P, 167, Nuovo palazzetto dello sport, Nuova Biblioteca.
Trasmissione in diretta streaming non solo del Consiglio Comunale ma di tutti gli incontri delle commissioni e dei Consigli di Quartiere, con possibilità da parte dei consiglieri e del pubblico di registrare e trasmettere proprie riprese.
Riorganizzazione, miglioramento e trasparenza dei servizi sociali Garantire il diritto all’accesso dei servizi senza nessuna discriminazione riguardo sesso, razza, lingua, religione e opinioni politiche, con particolare attenzione ai cittadini di palestrina che si trovano nelle condizioni di maggiore disagio sociale. Imparzialità e continuità nell’erogazione dei servizi, stimolando e valorizzando anche la partecipazione attiva del cittadino attraverso associazioni di volontariato, organizzazioni pubbliche o private.
Bilanci comunali trasparenti, leggibili e comprensibili Pubblicazione sul sito istituzionale del comune, in forma leggibile e semplificata, con modalità di accesso immediata e consultazione semplice, di tutti i dati relativi al bilancio consuntivo e previsionale comunale e delle aziende partecipate. Saranno inoltre resi pubblici: il programma economico triennale ed il relativo stato di attuazione, i nominativi, i curricula, le retribuzioni e la posizione patrimoniale dei dirigenti, dei titolari di posizioni organizzative, dei consiglieri comunali e di tutti coloro che rivestono incarichi di indirizzo politico amministrativo. Tutti i cittadini potranno sapere chiaramente e semplicemente come, dove e quando vengono spesi e ricavati i soldi del comune di palestrina. Tutti i cittadini potranno conoscere e valutare il merito di chi amministra il comune di Palestrina.
Pubblicazione on line dei servizi resi alla cittadinanza al fine di monitorare le attività svolte ed ottimizzare l’organizzazione Amministrativa Tutti i servizi resi ai cittadini dal Comune di Palestrina, sia attraverso rapporti di dipendenza che di collaborazione, dovranno essere pubblicati sul sito del Comune per poter essere monitorati e valutati per il miglioramento e l’ottimizzazione delle risorse e delle funzionalità dell’organizzazione amministrativa.
Trasparenza e meritocrazia nell’affidamento dei lavori pubblici Introduzione di criteri di valutazione del merito e della qualità delle opere eseguite nelle gare di appalto e negli affidamenti diretti, privilegiando le aziende virtuose e locali. Pubblicazione online degli affidamenti con l’indicazione della valutazione qualitativa dei lavori eseguiti. Definizione precisa delle responsabilità e delle penali nei capitolati di appalto con pagamento in funzione del collaudo dell’opera.​

2.3 Servizi ai cittadini

Istituzione di una Banca del Tempo, struttura con la quale ciascun cittadino mette a disposizione parte del tempo a disposizione, per fornire ad un altro cittadino una certa competenza, ricevendo in cambio altrettante ore per altre competenze disponibili. (es. corsi di informatica, ceramica, ecc.)Istituzione di una Banca del Tempo, struttura con la quale ciascun cittadino mette a disposizione parte del tempo a disposizione, per fornire ad un altro cittadino una certa competenza, ricevendo in cambio altrettante ore per altre competenze disponibili. (es. corsi di informatica, ceramica, ecc.)
Controllo partecipativo della qualità dei servizi comunali tramite questionari di valutazione della soddisfazione dei cittadini (eventualmente online per ridurre i costi).
Realizzazione di un notiziario/newsletter di zona (sia cartaceo sia e-mail) che permetta ai cittadini interessati di essere avvisati per tempo delle attività comunali (cantieri…) e delle discussioni in corso che riguardano la specifica zona in cui abitano, vivono, lavorano.
Possibilità di ricevere avvisi, segnalazioni, informazioni su pratiche individuali anche mediante e-mail registrata presso il Comune.​

2.4 Organizzazione del Comune

Istituzione di una commissione comunale specifica con l’obiettivo di interagire con le istituzioni dei comuni limitrofi, provincia e Regione. Promuovere il dialogo e la collaborazione con le amministrazioni dei comuni limitrofi, Provincia e Regione per affrontare le problematiche urbane che sono presenti nel territorio. L’ immediata attenzione a queste problematiche può migliorare e velocizzare il recupero infrastrutturale del territorio, lo sviluppo economico e sociale.Istituzione di una commissione comunale specifica con l’obiettivo di interagire con le istituzioni dei comuni limitrofi, provincia e Regione. Promuovere il dialogo e la collaborazione con le amministrazioni dei comuni limitrofi, Provincia e Regione per affrontare le problematiche urbane che sono presenti nel territorio. L’ immediata attenzione a queste problematiche può migliorare e velocizzare il recupero infrastrutturale del territorio, lo sviluppo economico e sociale.
Blocco delle consulenze esterne ovunque possibile e valorizzazione delle professionalità presenti nell’organico del Comune.
Investimento nella formazione continua e nella crescita professionale dei dipendenti del Comune.
Valutazione sistematica degli effettivi carichi di lavoro in ogni ufficio comunale, con eventuali spostamenti di incarico ove possibile.
Lotta agli sprechi e ai costi inutili, con valutazione di ruoli, stipendi e posizioni, diminuzione privilegi, risparmio attraverso informatizzazione razionale e uso di programmi open source.
Divieto di nomina di condannati in via definitiva ad amministratori in società partecipate o controllate dal Comune.
Verifica di locazioni e affitti di immobili comunali con adeguamento a canoni di mercato.
Valorizzazione, uso razionale e non svendita del patrimonio immobiliare comunale.​

Verifica passaggio di gestione da comune ad acea ato 2, quali costi e quali condizioniVerifica passaggio di gestione da comune ad acea ato 2, quali costi e quali condizioni
Verifica e monitoraggio condizioni della rete idrica comunale per una migliore efficienza ed una diminuizione degli sprechi ed il il relativo risparmio da parte della cittadinanza
Tutela e sovranità pubblica del ciclo dell’acqua, evitando qualsiasi privatizzazione dell’acquedotto, che va gestito come ente speciale di diritto pubblico.
Acqua pubblica certificata e monitorata: pubblicazione delle analisi mensili delle acque di falda e dei pozzi di captazione
Ulteriore diffusione delle fontane pubbliche in particolare nelle aree a grande frequentazione pedonale e ciclabile, con pubblicazione di una mappa aggiornata sul sito del Comune, mantenendole funzionanti ed evitando sprechi e perdite
Uso di acqua pubblica in caraffa nei locali: incentivazione per i locali pubblici, scuole, ospizi, uffici all’utilizzo di acqua di rubinetto scoraggiando la vendita in bottiglia.
Fermo rifiuto di tutte quelle azioni/concessioni che possano contribuire a deteriorare o inquinare le fonti di approvvigionamento cittadine.
Promozione dei risparmi idrici e di forme di riutilizzo e riciclo d’acqua in edilizia.​

4. AMBIENTE E RIFIUTI

Introduzione sul sito del comune dell’applicazione “Decoro urbano”Introduzione sul sito del comune dell’applicazione “Decoro urbano”
Riduzione dell’inquinamento in città riducendo il traffico veicolare, incentivando l’uso di mezzi ecologici,favorendo la sostituzione degli impianti di riscaldamento obsoleti.
Monitoraggio situazione attuale sulla percentuale minima stabilita per legge della raccolta differenziata 65%
Incentivazione nell’utilizzo dei contenitori in vetro con l’introduzione di meccanismi di raccolta dei vuoti e dove possibile promuovere la vendita alla spina di prodotti tipo detersivi e prodotti per la casa in genere.
Realizzazione di un progetto a dieci anni per portare il comune al regime così detto rifiuti 0
Modifica della modalità di tassazione dei rifiuti che tenga conto della tipologia e della quantità degli stessi.
Istituzione del Parco della vita Per ogni lieta ricorrenza ogni cittadino potrà piantare un albero, con tanto di targa commemorativa. Sarà il luogo dell’identità e del legame tra le generazioni e il territorio, tra i residenti e coloro che sono dovuti emigrare. La gestione del PARCO DELLA VITA, di proprietà comunale, sarà affidata ad una associazione ambientalista.
Divieto cambiamento destinazione di aree verdi o parchi pubblici o aree giochi, tranne casi documentati di compensazione analoga, nello stesso quartiere urbano, approvata dai cittadini.
Incentivazione di centri di educazione ambientale convenzionati con le scuole, al fine di promuovere l’adozione di aree verdi pubbliche e aiuole da parte di scuole, associazioni, gruppi, abitanti quartiere.
Incentivazione di “orti urbani” organizzati e riconosciuti dal Comune e gestiti dai Comitati di quartiere.
Promozione della spesa a km zero e dei mercatini di prodotti locali.
Espansione e riqualificazione del verde pubblico.
Accessibilità e manutenzione aree verdi da parte dei cittadini
Controllo qualità aria e acqua dei terreni agricoli.
Mezzi publici non inquinanti
pedonalizzazione​

Rifiuti zero, info ing Ceci (Biagio)Rifiuti zero, info ing Ceci
Riduzione degli imballaggi mediante incentivazione della diffusione dei distributori automatici “alla spina” e dei negozi leggeri, con azioni di promozione anche presso la grande distribuzione.
Incentivazione delle campagne di raccolta di indumenti e scarpe con la collaborazione di cooperative sociali.
Censimento discariche abusive e successiva bonifica.
Obbligo di mettere cestini differenziati per materiale in vari punti della città, aumento dei contenitori per differenziata e incremento della raccolta.
Controllo della differenziazione dei rifiuti dei mercati, sensibilizzando I commercianti e facendo rispettare il vincolo a differenziare i rifiuti nella pulizia delle aree dedicate.
Educazione al riciclo, al riuso e alla corretta differenziazione dei rifiuti mediante corsi nelle scuole e nei quartieri con dimostrazione pratica, inviando volantini esplicativi alle famiglie.
Creazione di una rete dei aree ecologiche sul territorio comunale in ogni quartiere; raccolta degli olii domestici per ricavarne biodiesel, avvio raccolta differenziata per l’umido (compostaggio) su base volontaria, anche individuale e destinata a giardini, orti, spazi condominiali e aziende agricole locali.
Adozione degli strumenti tecnici necessari al passaggio da tassa a tariffa puntuale per poter pagare lo smaltimento dei rifiuti in proporzione alla quantità di rifiuto indifferenziato conferito, premiando chi genera meno rifiuti, con aumento dei contenitori dedicati al riciclo e di frequenza di svuotamento.
Rifiuto di qualsiasi proposta di smaltimento che includa combustione come cdr, ecoballe, conferimento a inceneritori, centrali, cementifici.
Promozione di piccole imprese locali che operino nella gestione, riciclo e trattamento non inquinante dei rifiuti.
Internalizzazione gestione rifiuti. ​

5. URBANISTICA E TERRITORIO

Stop al consumo del territorio e a ulteriori cementificazioni, con moratoria alla costruzione di nuovi quartieri, box, capannoni, centri commerciali, favorendo invece il recupero e il restauro del patrimonio edilizio esistente, bloccando i cambi di destinazione d’uso dei terreni.
Riduzione obbligatoria del consumo energetico delle nuove costruzioni rendendo vincolante come valore minimo il raggiungimento della classe A di efficienza energetica.
Piano di diagnosi energetica di tutti gli edifici esistenti, con conseguenti progetti di miglioramento dell’efficienza energetica.
Illuminazione e messa in sicurezza di Via degli Olmi (già sollecitata dalla raccolta firme dell associazione Preneste Futura)
Valutazione obbligatoria del grado di recupero delle acque piovane di ogni nuova costruzione, con vincoli per limitare o eliminare del tutto l’impermeabilizzazione dei suoli che causa il pericolo di piene.
Aumento della qualità delle aree verdi create durante le riconversioni urbanistiche, tramite indici legati alla capacità di produrre ossigeno e alle possibilità d’uso da parte dei cittadini.
Studio delle potenzialità e delle peculiarità dei diversi quartieri e di tutto il territorio prenestino
Presenza di servizi essenziali minimi anche nei luoghi densamente abitati più distanti.
Rapporto costante e collaborativo con i comitati di quartiere, soprattutto per decisioni che riguardano il proprio territorio.

Destinazione ad uso pubblico delle aree non ancora cementificate (verde, infrastrutture sportive, luoghi d’incontro, orti urbani
Recupero degli edifici pubblici e privati lasciati in stato di abbandono, destinandoli a funzioni sociali fino a che il proprietario non ne proponga e garantisca un uso adeguato

Piano di installazione di pannelli fotovoltaici su tutti gli edifici pubblici e di riduzione programmata dei consumi degli edifici stessi.Piano di installazione di pannelli fotovoltaici su tutti gli edifici pubblici e di riduzione programmata dei consumi degli edifici stessi.
Incentivazione comunale alla riqualificazione energetica del patrimonio edilizio privato e alla certificazione energetica, riducendo gli oneri e le imposte comunali ai cittadini che dimostrano una riduzione efficace dei consumi energetici degli edifici, facilitando l’accesso a credito agevolato e contribuendo direttamente al costo della certificazione energetica
Risparmio energetico nella pubblica illuminazione, sostituendo gradualmente le lampadine tradizionali con lampadine a led​

Wifi libero e gratuito su tutto il territorio prenestino mediante uso di antenne ninux (da far ampliare ad Alessandro)Wifi libero e gratuito su tutto il territorio prenestino mediante uso di antenne ninux (da far ampliare ad Alessandro)
Streaming del consiglio comunale.

8.MOBILITA' SOSTENIBILE

Trasporto pubblico e mobilità privataTrasporto pubblico e mobilità privata
Installazione di rastrelliere per il posteggio di biciclette private.
Installazione di rastrelliere per il posteggio di biciclette pubbliche messe a disposizione dal comune a canone mensile agevolato.
Promozione del car sharing di auto elettriche per avere un’auto piccola e non inquinante solo quando serve, permettendo alle famiglie di rinunciare ad almeno un’auto, con un risparmio significativo (2000-3000 euro annui) sul bilancio familiare.
Incentivazione dei veicoli elettrici attraverso l’installazione di colonnine di ricarica pubbliche e privilegi nelle regole di circolazione, convertendo progressivamente all’elettrico il parco veicoli del Comune.
Sconti sul trasporto pubblico per le famiglie.
Riordino degli orari e dei percorsi del servizio bus urbano ed extraurbano, secondo le reali esigenze dei cittadini di Palestrina.Vanno incentivati gli spostamenti su mezzi di trasporto collettivi. L’amministrazione studierà e sottoporrà alla Regione Lazio miglioramenti che vadano a risolvere situazioni di linee che quasi mai si incontrano nello stesso punto, con orari non coincidenti e fermate fatiscenti e non attrezzate. Razionalizzazione del servizio bus comunale per evitare sprechi e malfunzionamenti.
Eliminazione delle barriere architettoniche.
Piano di mobilità per disabili ed anziani.
Rendersi promotori di una rete di collegamenti con i comuni limitrofi per abbattere i costi.

9. LAVORO, INNOVAZIONE; IMPRESA

Accesso al fondo di garanzia per il microcredito alle piccole e medie imprese del M5S.Accesso al fondo di garanzia per il microcredito alle piccole e medie imprese del M5S.
Creazione di nuovi posti di lavoro “ecologici” grazie alla green economy (raccolta porta a porta, centri di smistamento, riciclo, rivendita, centri di trattamento di rifiuti a freddo, interventi per efficienza energetica).
Incentivazione partnership tra imprese locali e università su progetti di ricerca e sviluppo, fondamentali per consentire la creazione di nuovi posti di lavoro.
Sviluppo delle relazioni (corrette e non propagandistiche) tra scuola superiore, università e impresa con stage mirati e collaborazioni in modo da favorire l’ingresso nel mercato del lavoro ai giovani.
Proposta di garanzia comunale sui mutui e sui finanziamenti alle giovani imprese innovative, con istituzione di fondo apposito gestito da commissione di esperti a nomina trasparente
Censimento terreni agricoli incolti ed affidamento ad associazioni e cooperative per la coltivazione, dando la precedenza per l’occupazione a ragazzi con disagi sociali.
Promozione di punti pubblici di telelavoro, avvio di un programma di sperimentazione del telelavoro con le aziende del territorio.
Locazione agevolata a ore di locali comunali per giovani professionisti abilitati per consentire loro di iniziare ad esercitare la professione con i pochi clienti iniziali.
Locazione agevolata di locali comunali in disuso per nuove attività, imprese e negozi aperti da giovani, cassintegrati e disoccupati.
Definizione di un piano di sostegno al reddito per lavoratori precari, disoccupati, in mobilità, o in CIG a zero ore in cambio di attività lavorative comunali (pulizia strade e giardini, aiuto a invalidi e anziani, etc.).​

Promozione di un’economia etica e solidale all’interno del territorio predestino con particolare attenzione alle realtà che perseguono la filiera corta.
Campagna di comunicazione a sostegno di prodotti stagionali offerti da produttori locali, prodotti tipici del territorio locale, prodotti sfusi (mercati aperti rionali), in cambio dell’offerta di questi prodotti a prezzi accessibili, incentivare l’uso di prodotti a km zero nella ristorazione, abbinata ad altre azioni atte a favorire e stimolare la spesa a km zero ed i mercatini locali.
Destinazione di locali comunali ai Gruppi di Acquisto Solidale (G.A.S.) per la distribuzione degli ordini collettivi e miglioramento accesso e partecipazione locale, a spazi di scambio solidale tra cittadini (baratti, donazioni, riutilizzo).
Progetto Piccola Trastevere, Chiusura centro storico per il periodo estivo, coadiuvando la mobilità attraverso il servizio navetta e favorendo le attività commerciali non facendo pagare la tassa per l’occupazione di suolo pubblico sempre nel rispetto degli orari e degli abitanti del centro.

Istituzione del Mercato Delle Produzioni ed artigianato locali Realizzazione di un mercato cittadino per incentivare l’acquisto di prodotti del territorio di palestrina, favorendo lo sviluppo delle aziende ed artigiani locali e l’interazione diretta tra produttore e consumatore, evitando costi di intermediazione e conservazione ed abbattendo drasticamente trasporti ed imballaggi.
Blocco assoluto ad altri centri commerciali periferici, rilancio del commercio di via attraverso proposte di iniziative, consorzi, centri commerciali urbani “leggeri” (non insostenibili per traffico e dimensioni), proposte e promozione di merci e attività diverse.
Studio di un marchio di qualità certificato per i prodotti Prenestini.


11.CULTURA,TURISMO E SPORT

Introduzione della DOMENICA A 5 STELLE, giornate programmate in cui gruppi di attivisti e volontari dedicano il loro tempo per il recupero e la salvaguardia del patrimonio comunale.Introduzione della DOMENICA A 5 STELLE, giornate programmate in cui gruppi di attivisti e volontari dedicano il loro tempo per il recupero e la salvaguardia del patrimonio comunale.
Proposta di ripristino immediato del festival “Nel nome del Rock”, con la collaborazione attiva di tutte le associazioni ed i comitati di quartiere che vorranno aderire all’iniziativa.
Sviluppo di piani di promozione per giovani artisti prenestini, concessione di spazi pubblici inutilizzati con la possibilità di allestire studi, laboratori, spazi per eventi, in modo da stimolare l’aggregazione degli artisti ed eventi per la promozione e la vendita delle loro opere, rilanciando automaticamente zone poco sfruttate come punto d’incontro ed aggregazione giovanile e non.​

valorizzazione dei monumenti e inserimento degli stessi in itinerari turistici nazionali
Valorizzazione e ripristino dei percorsi naturalistici dei monti Prenestini e inserimento degli stessi nelle banche dati del CAI con il fine di promuovere le attività escursionistiche sui nostri territori.

Gestione più razionale delle iniziative di promozione turistica puntando su una migliore organizzazione e comunicazione internazionale, specialmente via Internet.
Realizzazione di un servizio di guida turistica virtuale al territorio su telefonino e terminali mobili.
Proposta di creazione del Palio di Sant Agabito Baby da effettuare dopo il “normale” palio sempre con le squadre dei relativi rioni ma con giochi e bambini da 7 a 14 anni. Il tutto per promuovere lo spirito agonistico e di rispetto anche nelle giovani generazioni.
Proposta si introdurre nel periodo estivo la settimana del “ritorno al passato” dove il centro storico e le zone limitrofe torneranno indietro nel tempo rievocando mestieri, abitudini, dialetti,abiti e quant’altro per non farci dimenticare le nostre origini. Il tutto organizzato sempre con la collaborazione attiva dei comitati di quartiere e delle associazioni del territorio prenestino.
Promozione dei sentieri dell’entroterra prenestino e di percorsi enogastronomici come modo di fruizione naturale del territorio per turisti e abitanti.

Incentivazione Bio-artigianato, anche tramite mercati rionali.

Piano per il turismo e la valorizzazione dell’ambiente e del territorio

Creazione di un indotto turistico legato alle attività commerciali del territorio

Valorizzazione di musei ed i siti d’interesse storico prenestino progetto archeologico intercomunale
Valorizzazione Villa di Adriano progetto escursione in grotta

Sviluppo dell’attività sportiva amatoriale e sostegno delle eccellenze sportive agonistiche locali, attraverso il patrocinio di manifestazioni e gare, lo sviluppo d’iniziative ed eventi nelle scuole di Palestrina. Riqualificazione e valorizzazione dei campi polivalenti e di tutte le strutture sportive comunali come strumento di promozione e diffusione dello sport e dei suoi valori.

Investimenti per avere più posti negli asili e sviluppo dei micro-nidi, familiari, aziendali o condominiali, data la grossa difficoltà di accesso all’asilo da parte delle famiglie e la frequente distanza dal posto di lavoro, con l’obiettivo di garantire un posto in asilo a tutti coloro che hanno figli in età prescolare.Investimenti per avere più posti negli asili e sviluppo dei micro-nidi, familiari, aziendali o condominiali, data la grossa difficoltà di accesso all’asilo da parte delle famiglie e la frequente distanza dal posto di lavoro, con l’obiettivo di garantire un posto in asilo a tutti coloro che hanno figli in età prescolare.
Organizzazione e sostegno di piedibus (accompagnamento a piedi strutturato dei bambini sul percorso casa-scuola) per tutte le scuole comunali, anche in sinergia con associazioni ed anziani del quartiere sul modello “nonno civico”.
Valorizzazione dell’educazione fisica fin dalle scuole elementari, mens sana in corpore sano, trattandosi di un reale investimento sul futuro in termini di salute, di socializzazione e di cultura.
Avvio di laboratori di educazione alimentare aperti a bambini e genitori, promuovendo la partecipazione di entrambe le parti al fine di arginare la piaga dell’obesità infantile e di promuovere stili di vita sani. Controllo sui distributori automatici nelle scuole e promozione di cibi sani.
Creazione nelle scuole di nuovi laboratori informatici tramite progetti che riutilizzino macchine donate dei cittadini e revitalizzate attraverso l’applicazione di software libero, ottenendo il duplice effetto di ridurre i rifiuti elettronici e diffondere la conoscenza di sistemi operativi non proprietari.
Promozione della didattica on-line per le scuole, l’università e la formazione continua (tramite accordi con le varie istituzioni educative) per facilitare l’ascolto ed il riascolto delle lezioni senza essere necessariamente presenti in aula, con condivisione universale e gratuita a tutta la cittadinanza del patrimonio di conoscenza contenuto nelle lezioni, tramite un apposito servizio comunale.
Promozione, attraverso consigli di classe e di istituto in collaborazione col Comune, di “lezioni sperimentali” volontarie da parte di adulti, familiari degli allievi e non, per condividere conoscenze ed esperienze di vita e lavorative.
Avvio sperimentale di strategie di digitalizzazione della didattica attraverso ebook e lavagne elettroniche per ridurre il costo dei testi, eliminare il peso del loro trasporto e migliorare l’interazione e l’efficacia della didattica
Sfruttamento più esteso degli edifici scolastici favorendo l’apertura pomeridiana delle strutture per realizzare corsi tenuti da associazioni di volontariato, quali alfabetizzazione informatica, italiano per stranieri, gruppi di studio, corsi di ballo o ginnastica, realizzando dunque punti di aggregazione per tutti.
Richiesta al governo di escludere dal patto di stabilità le spese comunali per la scuola primaria in modo da permettere al Comune di investire in questo settore senza eccessivi vincoli finanziari
Mensa scolastica sostenibile – riorganizzazione del servizio per favorire l’economia locale, minimo impatto ambientale e corretta educazione alimentare E’ fondamentale sviluppare una filiera corta che permetta un ritorno in termini di economia per il nostro territorio, utilizzando preferibilmente prodotti biologici, di stagione e a km 0. E’ necessario rendere questo servizio sostenibile eliminando dove possibile le bottigliette di plastica in favore dell’erogazione diretta dell’acqua pubblica, e sostituendo progressivamente le stoviglie monouso con quelle riutilizzabili. La scuola inoltre è un luogo di educazione, confronto e crescita dove è possibile ed opportuno promuovere progetti di educazione alimentare rivolti al consumo di frutta e verdura, ed alla creazione di orti scolastici.​

13. SERVIZI PER I GIOVANI

Ampliamento dei momenti destinati all’educazione civica nell’ambito scolastico di ogni ordine e grado e con attività concrete sul territorio di appartenenza (città e quartieri).Ampliamento dei momenti destinati all’educazione civica nell’ambito scolastico di ogni ordine e grado e con attività concrete sul territorio di appartenenza (città e quartieri).
Garanzia, tramite attività dentro e fuori le scuole, del fatto che i giovani ricevano una adeguata educazione su vari temi di rilevanza civile, come il rispetto dell’ambiente, la sana alimentazione, l’affettività e la sessualità.
Organizzazione a intervalli regolari di una consultazione generale dei giovani della città per chiedere a loro quali sono le esigenze, le necessità, le priorità.
Incentivare forme di aggregazionismo che tendano a migliorare lo stile di vita e la ricchezza culturale della cittadinanza
Realizzazione di borse di studio per lavorare presso le biblioteche o altri locali pubblici di interesse socio-culturale in cambio del pagamento della retta e delle spese universitarie o di altri servizi di formazione.
Organizzazione sistematica di centri pubblici per i giovani, destinando locali comunali e dei Comitati di Quartiere(es. locali in disuso, vecchie scuole…) ad attività artistiche, musicali, creative e culturali dove proporre idee innovative, creare dibattiti, workshop ed esprimere le proprie abilità, trovare informazioni utili e sostegno.

13.1 Prevenzione delle dipendenze

Prevenzione dei rischi connessi al consumo di tabacco, droghe e alcool tramite attività scolastiche ed extrascolastiche di comunicazione e discussione tra pari e con esperti.Prevenzione dei rischi connessi al consumo di tabacco, droghe e alcool tramite attività scolastiche ed extrascolastiche di comunicazione e discussione tra pari e con esperti.
Realizzazione di sportelli d’ascolto nei Comitati di quartiere per disagi di varia natura.​

14. SERVIZI PER ANZIANI E CATEGORIE DEBOLI.

Realizzazione di un piano strategico per l’edilizia popolare e agevolata che parta dall’esigenza di riutilizzare il vasto patrimonio sfitto della città per offrire abitazioni a prezzi sostenibili, sia in termini di “case popolari” vere e proprie, sia in termini di agevolazioni sul mutuo per chi vuole comprare la prima casa con un reddito medio-bassoRealizzazione di un piano strategico per l’edilizia popolare e agevolata che parta dall’esigenza di riutilizzare il vasto patrimonio sfitto della città per offrire abitazioni a prezzi sostenibili, sia in termini di “case popolari” vere e proprie, sia in termini di agevolazioni sul mutuo per chi vuole comprare la prima casa con un reddito medio-basso
Stimolo alla partecipazione degli anziani all’attività dei quartieri attraverso servizi volontari nei Comitati di quartiere e Banca del tempo.
Ampliamento e organizzazione delle opportunità di volontariato civico per gli anziani in attività utili alla collettività, dalla sorveglianza del traffico davanti alle scuole alla manutenzione di spazi verdi e locali civici, alla presenza nei musei e nelle attività culturali
Promozione di attività fisiche dolci per gli anziani negli impianti sportivi comunali
Promozione di opportunità di formazione continua per gli anziani, compresa l’alfabetizzazione informatica e l’educazione all’uso delle nuove forme di partecipazione e di interazione con il Comune, contrastando l’analfabetismo di ritorno, anche attraverso l’impiego di giovani volontari.
Rispetto degli obblighi di predisposizione di percorsi per ipovedenti e altri percorsi facilitati, ad esempio tramite percorsi tattili o marcati a infrarosso
Controllo dell’effettiva accessibilità dei siti Web comunali secondo le leggi nazionali in materia.
Revisione e interventi, ove di competenza, sul piano di assistenza, domiciliare e presso strutture convenzionate con il servizio sanitario.​

Messa in sicurezza della SS 57 (strada Palestrina Zagarolo con alto tasso di mortalità) mediante l’introduzione di autovelox (i proventi verranno reinvestiti per la creazione di corsi di guida sicura)Messa in sicurezza della SS 57 (strada Palestrina Zagarolo con alto tasso di mortalità) mediante l’introduzione di autovelox (i proventi verranno reinvestiti per la creazione di corsi di guida sicura)
Studio e mappatura della sicurezza e agibilità in tutti gli edifici scolastici del territorio.
Campagna di educazione, dissuasione e repressione del fenomeno della guida in stato di ebbrezza, specie tra i giovani.
Promozione di controlli più stretti sulla sicurezza del lavoro da parte delle autorità preposte.
Valorizzazione del tavolo di coordinamento sull’ordine pubblico (con questura, forze dell’ordine e altre istituzioni) esaminando prontamente i problemi di sicurezza posti dai Comitati di quartiere e dalla cittadinanza garantendo risposta a tutte le segnalazioni.
Adesione a proposte di pene alternative di utilità sociale per piccoli reati.​

16. TUTELA DEGLI ANIMALI

Incremento delle aree per cani e manutenzione di quelle già esistenti, garantendo la disponibilità di sacchetti compostabili e cestini per le deiezioni.Incremento delle aree per cani e manutenzione di quelle già esistenti, garantendo la disponibilità di sacchetti compostabili e cestini per le deiezioni.
Tutela delle colonie feline riconoscendo e sostenendo la figura del “gattaro” e le sue attività.
Miglioramento della situazione di canili e gattili pubblici, affidandoli soltanto alle associazioni animaliste senza scopo di lucro e dedicando particolare attenzione agli animali feriti.
Divieto di spettacoli ed intrattenimenti con l’utilizzo di animali vietando anche l’uso di animali come vincita o premio.
Divieto dell’uso di prodotti testati su animali come clausola nei contratti di fornitura al Comune
Promozione di progetti didattici nelle scuole sulla tutela e sul rispetto degli animali in collaborazione con le associazioni animaliste.
Controlli più stretti e campagne educative sul rispetto delle regole di igiene relative agli animali negli ambienti pubblici (escrementi lasciati per strada).
Controllo della popolazione di piccioni e altre colonie di uccelli cittadine attraverso metodi non crudeli o di sterminio e soppressione.​

17. DIRITTI E PARI APPORTUNITA’

Riconoscimento e prevenzione delle questioni di genere, razza, orientamento sessuale, religione in qualsiasi decisione amministrativa, per valutare preventivamente ed evitare discriminazioniRiconoscimento e prevenzione delle questioni di genere, razza, orientamento sessuale, religione in qualsiasi decisione amministrativa, per valutare preventivamente ed evitare discriminazioni
Opposizione a ogni forma di omofobia e razzismo basato su questioni di genere, razza, orientamento sessuale, religione.​

Soluzione 1:

Descrizione della soluzione

Descrivere la soluzione che, concretamente, si propone di adottare per raggiungere l'obiettivo.


Caricamento contributi...

Marca il contributo

Puoi indicare ai redattori della proposta che questo contributo non contiene informazioni rilevanti o un sostegno per trovare una soluzione alla proposta.
Se il contributo viene marcato 3 volte, i redattori della proposta potranno eliminarlo dalla discussione ed inserirlo nella cartella dei contributi "rumorosi".

Non attinente alla discussione o non costruttivo
Duplicato

Segnala il contributo

Puoi indicare ai webmaster che tale contributo viola le leggi attualmente in vigore.
Una volta appurata la violazione il contributo verrà rimosso.Non abusare di questo strumento.

Contenuti commerciali o spam
Pornografia o materiale a carattere esplicitamente sessuale
Incitamento all'odio o violenza
Materiale protetto da copyright
×
Europe
America
Asia
Africa
Oceania
  • Europe
  • France
  • Hungary
  • Italy
  • Deutschland
  • România
  • España
  • Portugal
  • Greece
  • United Kingdom
  • Ireland
  • Serbia (Cyrillic)
  • Serbia (Latin)
  • Serbo-Croatian
  • Bosnian
  • Montenegrin (Latin)
  • Russia
  • USA
  • Brasil
  • Ecuador
  • Chile
  • Argentina
  • Indonesia
  • 中国
  • South Africa
  • Australia
  • New Zealand
×
Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. Learn more