Apri un nuovo gruppo Cerca gruppi

ACCEDI

×

Comunicato Stampa riunione di confindustria

accettata

Risultati

Messaggio da trasmettere

Comunicare alla stampa la posizione del meetup tigullio relativamente alla riunione di Confindustria svoltasi ieri pomeriggio a Chiavari

Questo paragrafo non è ancora stato compilato. Aiuta l'autore inserendo un contributo!

Soluzione 1:

comunicato stampa 17 giugno 2013

Sottotitolo/Occhiello

Questo paragrafo non è ancora stato compilato. Aiuta l'autore inserendo un contributo!

Questo paragrafo non è ancora stato compilato. Aiuta l'autore inserendo un contributo!

Relativamente alla Riunione di Confindustria svoltasi ieri pomeriggio a Chiavari, il Meetup cinque stelle Chiavari saluta il Nuovo Presidente del Gruppo Tigullio Massimiliano Sacco e coglie con favore la notizia che si sia puntato su un giovane quarantenne che speriamo riesca a svolgere il suo ruolo fornendo buoni spunti in questo momento di crisi generale.

L'uscente Franca Garbarino ha ricordato le grandi opere impostate nel suo mandato d'intesa con i Comuni, Provincia e Regione come il tunnel Fontanabuona, la colmata di Lavagna, il prolungamento di Viale Kasman oltre che al trasferimento della Lames.

Speriamo che la ripresa passi invece su punti diametralmente opposti rispetto a queste opere fuori scala che potrebbero poi rivelarsi solo fantasie e sperpero di denaro pubblico.

Rispetto all'intervento del dott. Antonio Gozzi si plaude sul punto fondamentale di rivendicazione di quell'unità territoriale che dovrebbe essere il volano per il rilancio. I meetup del Tigullio proprio su questo stanno puntando da oltre un anno la loro attenzione, soprattutto per la condivisione di programmi che sono più facili da ottenere una volta vinti gli sterili campanilismi, che invece li boicottano sul nascere. Relativamente al Tribunale e alla possibilità di farlo eventualmente diventare incubatore di aziende tendiamo a favorire tutto quello che è rilancio, ma sicuramente bisogna risolvere il nodo della grossa quantità di risorse pubbliche utilizzate che per non essere dilapidate debbono per forza essere rimesse in gioco e in certo senso restituite ai cittadini, anche semplicemente in termini di servizi.

Questo paragrafo non è ancora stato compilato. Aiuta l'autore inserendo un contributo!

Questo paragrafo non è ancora stato compilato. Aiuta l'autore inserendo un contributo!


Caricamento contributi...

Marca il contributo

Puoi indicare ai redattori della proposta che questo contributo non contiene informazioni rilevanti o un sostegno per trovare una soluzione alla proposta.
Se il contributo viene marcato 3 volte, i redattori della proposta potranno eliminarlo dalla discussione ed inserirlo nella cartella dei contributi "rumorosi".

Non attinente alla discussione o non costruttivo
Duplicato

Segnala il contributo

Puoi indicare ai webmaster che tale contributo viola le leggi attualmente in vigore.
Una volta appurata la violazione il contributo verrà rimosso.Non abusare di questo strumento.

Contenuti commerciali o spam
Pornografia o materiale a carattere esplicitamente sessuale
Incitamento all'odio o violenza
Materiale protetto da copyright
×
Europe
America
Asia
Africa
Oceania
  • Europe
  • France
  • Hungary
  • Italy
  • Deutschland
  • România
  • España
  • Portugal
  • Greece
  • United Kingdom
  • Ireland
  • Serbia (Cyrillic)
  • Serbia (Latin)
  • Serbo-Croatian
  • Bosnian
  • Montenegrin (Latin)
  • Russia
  • USA
  • Brasil
  • Ecuador
  • Chile
  • Argentina
  • Indonesia
  • 中国
  • South Africa
  • Australia
  • New Zealand
×
Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. Learn more